mercoledì 4 novembre 2015

io sono il danno

Stamattina per la prima volta in tutta la mia vita ho provato una sensazione di solitudine.
Non la solitudine dell'Anima quella a cui sono abituata anche in presenza di persone, ma la solitudine dell'amore. Forse è stata tutta colpa dei pensieri che mi sono trascinata dietro stanotte e in parte stamattina. Forse...non lo so.
Resta che non mi piace che certi pensieri turbino il mio viaggio in solitario, perché è estremamente difficile amare una come me, nessuno investirebbe su un fallimento annunciato: sono rari i folli e io sono il danno.
Amen e buona giornata ..... 

6 commenti:

  1. basta impegnarsi ed uscire dalla (cosiddetta) follia

    RispondiElimina
  2. Si nasce, si vive, si respira, si dorme, si muore da soli.
    In alcun tratti condividiamo alcune cose con altre persone la vita la "devi" vivere tu, tu sola. Non puoi delegare la vita ad alcun altro! :)
    Gran parte delle persone fuggono terrorizzate dalla sola idea di stare con se stesse e più fuggono più lo Spauracchio si ingrandisce, diventa cupo.
    Insomma, può essere una buona possibilità per stare con la persona che dovrebbe esserci più cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembrerà strano ma io ho paura dell'opposto.
      Non ho paura di stare con me stessa, ma ho paura di stare con l'altro, anche se a volte sarebbe la piu' giusta soluzione.

      Io sono affetta da S.R. sindrome del rifiuto, so che verro' rifiutata prima o poi - lo so perchè così fu dall'inizio della mia umana creazione, è un ragionamento sottile, a sfondo energetico, che mi porto dietro. e che mi è stato anche diagnosticato - e questo limita il mio contatto con l'altro nella sfera intima cioè quella piu' profonda, ma siccome so che è sbagliato perchè le paure non si evitano ma ci si passa in mezzo per risolverle, a volte il mio inconscio "sano" si presenta al mio coscio limitato e testardo con desideri che offuscano il mio percorso quotidiano in generale di vita. questo fa si che io ne sia turbata.

      p.s.
      certo che lo so che la vita è sopratutto nostra e poi dell'altro. siamo sempre noi che decidiamo come sentirci quando esperiamo, siamo noi permettiamo che una cosa sia gioia o dolore dalla nostra percezione e dalla nostra consapevolezza.

      Elimina
    2. La più giusta soluzione?
      In realtà la condizione ideale è quello di avere la possibilità di godersi la solitudine e la compagnia.
      A leggere le tue parole pure io "soffrirei" del fatto di temere di stare con altr*.
      Direi che... se una persona si ascolta e non finge, è una condizione comune e fisiologica.

      Elimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.