martedì 10 novembre 2015

distacco,coraggio rettitudine

Mi sto accorgendo dell'impossibilità di integrarmi in un sistema - quello della mia famiglia - strettamente legato a delle abitudini che per comodità non si vogliono modificare e dove quelle in grado di modificarsi vengono regolarmente criticate.
Io non sono mai stata una persona rigida, di quelle che vorrebbe imporre il suo volere, il suo stile e le sue idee.
Ho imparato a rispettare ciò che gli altri ritengono adeguato, buono, bello, interessante, di preferenza per loro stessi.
Ho imparato che alla fine ognuno ha una sua vita e ne fa quel che vuole, con chi vuole, l'importante e prendersi le responsabilità di quello che si fa, sebbene a volte non è come prima dell'adesso. Io in cuor mio lo sto facendo, anche se mi pesa e mi fa troppo male, ricerco uno spiraglio di luce seppur difficile.
Mi trovo di fronte a gente che spesso da tutto per scontato, pretendendo come gli sia sempre dovuto e anche se un mio comportamento faccio un esempio  o un comportamento di un altro abbia portato a credere una cosa simile, come si impara a trombare (scusate la volgarità, ma è molto raro veder qualcun far l'amore davvero), a sposarsi, e a gestire un stipendio senza ascoltare ne me e ne nessuno ma solo il proprio ego, ecco che tali persone dovrebbe cavarsela anche per le cose scomode e non solo per quello che portano piacere. Se si cresce, non si cresce a metà, un corpo di solito cresce nella sua intera struttura, non solo  un piede, una mano.
Molte di queste situazioni io le vivo ogni giorno e mi consumano, poichè la gente cresce solo per quello che vuole e io non lo sopporto. Io sono cresciuta solo con le cose scomode, il divertimento non mi appartiene se non  fosse per la spiccata ironia che mi rende stra-simpatica sarei, la tristezza fatta carne. Questo condividersi solo nel male e mai per il bene mi fa spesso perdere  il senso e l'orientamento di tutto a causa di una sensibilità che dovrei solo curare poichè sbagliata.
A volte ci vuole coraggio a praticare la rettitudine e a saper dire di no.

6 commenti:

  1. Dato che non puoi cambiare questa situazione (non dipende da te, ma da altri...) potresti provare a cercarti valvole di sfogo...

    Moz-

    RispondiElimina
  2. La flessibilità, come tutte le cose, ha pro e contro.
    Nel momento in cui è eccessiva, significa strapazzare con intensità e troppe volte il proprio ego e questo, alla lunga, non fa bene.
    In tali casi è necessario sviluppare un po' di sano egoismo; anche questo concetto, bistrattato dai moralisti, invece ha, come tutto non solo dei contro ma anche dei pro.
    Buon egoismo a te, Magnolia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, bravo U. devo sviluppare un po' di egoismo.

      Elimina
  3. a me però talvolta sembra che le soluzioni semplici quasi ti disturbino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le soluzioni semplici sono o bianche o nere, ma a volte non semplice solo questo.

      Elimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.