giovedì 5 novembre 2015

stupida e autolesionista



La sicurezza di uomo a me spaventa, a volte mi blocca.
La cosa più assurda é che sono sempre questo genere di uomini a fare da padrone nella mia testa, nel mio cuore e sul mio corpo. Giuro cambia il soggetto ma la sostanza é sempre quella.
Io questa cosa non la capisco più, mi fanno star male perché mi sbattono ogni volta le mie insicurezze in faccia eppure gli crollo sempre avanti, come se fosse finito lo stampo.
Ma la cosa che mi disturba maggiormente non é solo che i citrulli non mi dicono nulla e nemmeno gli attiro a meno che non sono sessualmente disperati e quindi si girano loro verso me, ma anche che li difendo se stanno in difficoltà, mi prendo cura di loro se hanno bisogno e se c'é un rischio rinuncio a tutto ciò che posso ricevere
Ne deduco follemente che sono stupida, ma stupida stupida e autolesionista.

7 commenti:

  1. mah, io gente non insicura ne conosco poca....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo non mi consola, forse perchè alla fine è quello che esperiamo che ci da la percezione di quello che si prova.

      Elimina
  2. Ciascuno di noi ha degli schemi evocativi che innescano reazioni nell'ambito dell'eros.
    I meccanismi sono sottili e spesso ci sfuggono.
    Elmar e Michaela Zadra spiegavano, in uno dei loro libri, che sono proprio personaggi e i loro caratteri speficifici che sollecitano i nostri lati vulnerabili, le nostre ombre, ad erotizzarci.
    Beh, io ho sempre ritenuto che queste esplorazioni alla conoscenza di sé mediante l'eros siano estremamente affascinanti e interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elmar e Michaela hanno ragione.

      "Beh, io ho sempre ritenuto che queste esplorazioni alla conoscenza di sé mediante l'eros siano estremamente affascinanti e interessanti."
      lo penso anche io, sebbene a volta io mi faccia davvero male.

      Elimina
    2. Diciamo che una volta che conosci i tuoi punti critici, puoi adottare opportune azioni, per migliorare, per guarire, per evitare situazione che vadano a incidere su di essi, etc. .

      Elimina
  3. Per dirla con una metafora Zen: Siamo il frutto dei nostri pensieri. Come ho avuto modo di dire in qualche post fa...Non è nè dio,nè il cielo ad orientare le nostre scelte, ma noi stessi e solo noi.
    A mio modo di vedere ci possono anche essere dei periodi che ci maceriamo da soli con continue masturbazioni craniche; tuttavia insistere in tale comportamento non è neanche una flessione psicologica nè psicosomatica...ma un dolce navigar in questo mare,con la pia illusione che qualcosa o qulcuno/a possa venire in soccorso. Sono convinto che alla base di tutto il ragionamento-atteggiamento ci sia non alutolesionismo; forse " Non accettrsi pe ciò che si è relamente ". Ecco un narcisismo in negativo.

    Forse ho esagerato, e se cosi ti risulterà, ti chiedo scusa! E semplicemente il mio modo di vedere il web davanti ad un monitor, tutto quì.

    Ciao, stammi bene, e buona giornata Magnioli@.

    RispondiElimina
  4. non è una metafora ...e davvero la verità, così come noi siamo glia artefici delle nostre scelte. no abbiamo il libero arbitrio.
    per il resto non d'accordo.....certo che il narcisismo in tutte le sue forme è sbagliato...almeno per me.
    grazie e buona giornata anche a te

    p.s.
    il confronto è sempre un rischio...non serve chiedere scusa.


    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.