giovedì 9 febbraio 2017

27/365 :risposte

Nella mia banalissima vita di sicuro una cosa l'ho imparata: a rispondere chiaramente ad una domanda, ad una richiesta.

Si,
No,
Si....se
No...se.

Dove il se indica per me una condizione che detto per ottenere la risposta.
Orbene se al contrario e da gnorri, mi si risponde in maniera inconcludente, andando a cercare virgole, punti e pulci sul perché, per come della mia domanda rimpizzandomi di ulteriori altre domande per poter dedurre che risposta darmi...io sta gente la mando a cagare.
Per me è come non aver mai detto.
A ciò si lega la mia più totale non curanza del soggetto, se dopo qualche tempo mi si vien a rispondere o ha chiedere cosa ho concluso, quando io ho pure dimenticato la domanda o mi sono trovata la soluzione.

https://www.youtube.com/watch?v=5xQOAIIoBEU

28 commenti:

  1. A volte, anzi un sacco di volte, la chiarezza, la sicurezza, possono venir scambiate per spavalderia o addirittura scortesia, eccessivo trincerarsi sulle proprie posizioni, scarsa attitudine all'apertura, all'ascolto, alla mediazione.
    E non sto mettendo le mani avanti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parte Condivo...ma una risposta per correttezza bisognerebbe sempre darla....anche a dire una bugia.

      Elimina
  2. Detesto anch'io la mancanza di chiarezza. Ma tante volte conviene (alla controparte) essere poco chiari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me con i numeri è più facile. Carta, matita e mi spieghi in maniera convincente da dove cazzo viene un numero. Non so se può tornarti utile col tipo, eh. Magari l'unico numero che ti spiega è il 69 :)

      Elimina
  3. Si vede che fai domande di cui la persona non conosce o non ti vuole dire la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure chi risponde appartiene all'insieme delle persone che rispondono solo con risposte cui non può essere assegnato un valore di "vero" o "falso" all'interno del sistema di assiomi esistente (e quindi sono usabili come generatori di assiomi: Gödel ne sarebbe felice)

      Elimina
  4. E certo Lorenzo le persone hanno la sfera magica per sapere che a quella domanda un'altra persona non vuole o non può rispondere.
    Si chiama domanda proprio perché può ottere risposta.

    Ma cosa scrivi.... Ma che commento è ?
    Se alla tua domanda a me su dove sono, io avrei fatto il giro del mondo per risponderti tu avresti scritto un commento sulla mia inutilità, immaturità, ecc.ecc. degno di un trattato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su di dove sono come paese intendevo.

      Elimina
    2. Eh no.
      Se io chiedo a mio nipote di 5 anni cosa c'è nel parco lui mi risponde i dinosauri.

      Non solo tu scegli le persone a cui fare le domande ma in molti casi sai già che tipo di risposta ti possono dare oppure che non ti daranno risposta.

      Non serve nessuna "sfera", serve un minimo di saggezza.

      Elimina
    3. Mi pare logico che a un bimbo io non chieda chi sia la candidata all'Eliseo e che ad un adulto non chieda sai chi è Hello kitty.
      Non faccio domande dopo essermi poppata (drogata).
      Così come un bambino cresciuto con criterio non mi risponde i dinosauri, o cmq se lo farebbe io so che è un bambino.

      Elimina
    4. Pippata uguale drogata dalle mie parti.

      Elimina
    5. Ripeto, lo sai in partenza.

      Elimina
    6. Quindi Lorenzo se scrivo un post cosi ho avuto a che fare con un adulto.

      Elimina
    7. Ci sono adulti che campano rubando e ammazzando. Ti sembra un problema che qualcuno non risponda alle tue domande, che finga o che menta?
      Ma di solito lo sai in partenza.

      D'altra parte, spesso capita che qualcuno chieda una cosa ma poi non voglia sentire la risposta.

      Elimina
    8. Riepilogando: ci sono persone che a domanda o non sanno la risposta e non te la danno, o la sanno e te la danno, o la sanno ma non te la vogliono dare, o non la sanno, ma volendotela dare comunque, cercano di incastrarti con una balla.
      A corollario ci sono quelli che fanno la domanda e che vogliono sentire una risposta esaustiva e plausibile, oppure una accomodante e conciliante, oppure non si aspettano una risposta perché la domanda era difficilissima, o ancora hanno una paura fottuta della risposta perché farebbe crollare tutto il castello delle proprie convinzioni.
      Minchia che problema fa' du chiacchiere...

      Elimina
    9. Non è un problema dare due chiacchiere fintanto che non ti aspetti che le chiacchiere abbiano senso o che abbiano a che fare con la verità. Se ti vanno bene stupidaggini qualsiasi e una montagna di balle, fare du chiacchiere è facilissimo. Con chiunque.

      Viceversa, dipende con chi le fai le chiacchiere. I parenti non te li scegli, gli amici si.

      Elimina
    10. Io quando chiacchiero comunque mi offro, e accetto l'interlocutore per intero, specialmente quando me lo vado a cercare poi, proprio che concedo una ulteriore apertura di credito. Poi il tempo ti fa capire sempre. In un modo o nell'altro..

      Elimina
    11. Ripeto, basta sapere che trovi quello che cerchi.

      Elimina
  5. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia! :D

    RispondiElimina
  6. Beh dai.... non sei così strana :)

    RispondiElimina
  7. e se uno non vuole sapere un cazzo?

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.