lunedì 6 febbraio 2017

25/365 : il passo è un attimo

Il passo è un attimo  da mappina a sfigata.
In settimana devo accompagnare una zia a un controllo medico nella Capitale, organizzo così un paio di incontri extra ( semplice amici e non tresche come si potrebbe magari pensare) per potermi rilassare un secondo dalle angustie del mio paesello.
Di solito ho una signora che mi ospita e che se non vado da lei capita pure che ci resta male, di solito barattiamo: lei ospita me,  io ricambio sempre con le sue urgenze di quando viene al suo paesello poco lontano dal mio.
Ma gaurda il caso la signora ha degli imprevisti proprio il giorno che mi serve. Prima sfiga.
Opto e chiamo allora la sua amica, che tanto si è consumata per dirmi piu' di una volta ai nostri incontri e telefonicamente che se avessi avuto bisogno di un appoggio potevo contare su di lei e che vedi caso proprio in quel cazzo di giorno mio lei ha forse suo figlio a casa. Seconda sfiga. 
Entrambe poi dopo una seria di, ma sa, forse, devo farti sapere, mi mettono pure in attesa invece di svincolarmi subito, ma ti pare che io credo che una  non trova il figlio in tutto un pomeriggio, che l'altra non sa se quel giorno si realizzera' l'impegno, quando la conosco e potrebbe cambiarlo.
Questi tira e molla mi danno allo stomaco. Capre a dirla come VITTORIO.
La mia terza conoscenza, nonchè psicologa impegnatissima, mi risponde gentilmente che non ci sono problemi e lo fa a strettissimo giro di messaggio. La persone di un certo livello eccole non ci sta nulla da fare.
Ho tirato un sospiro di sollievo,  oppure avrei dovuto rivedere tutto il mio programma e non era cosa semplice.
Vado a dormire più serena almeno questo, in momento già di merda.

https://www.youtube.com/watch?v=QOw7EuiFz0k

13 commenti:

  1. Vabbè ma che colpa hanno le due signore?
    Una peraltro ti ha sempre ospitata... però hai fatto bene a optare per il piano C :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz quella che mi conosce è una maniaca degli impegni che potrebbero essere tranquillamente spostati, la conosco troppo bene.

      Elimina
  2. Tenersi sempre un piano D. A volte è meglio dei tre precedenti.

    RispondiElimina
  3. Sono contenta che tu abbia trovato. Roma é un caos...

    RispondiElimina
  4. Da mappina a sfilata..dopo la pioggia arriva sempre il sole e con esso il sorriso..quando regali un Sorriso?
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari tra un po..i miei alti e bassi sono così

      Elimina
  5. Risposte
    1. la tresca io ce l'ho con Roma Proprio , mi rullerei sui sampietrini, e mi struscerei su sui monumenti pure gnuda :D

      Elimina
    2. Ma non con un maschio intendo. Anche romano!

      Elimina
  6. Io consiglio sempre di ordire un Piano B, ma talvolta ha ragione franco battaglia !

    =

    == o. t. ==

    Ho visto che hai sistemato in altro modo i commenti nella spalla, ed è una buona soluzione, discorsiva e per nulla grafica;
    dove l'hai trovata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Marco ho cambiato, l ho trovato in giro per il web. Ma non sono ancora soddisfatta, e che cambio spesso e ho perso uno dei primi che tanto Gradivo, quando ho tempo ricerco sempre insomma magari lo ritrovo.

      Elimina
    2. E intanto provo quello che trovo per vedere se di adegua al vecchio che ho perso che era solo discorsivo e rubava poco spazio.

      Elimina
  7. Impegni e l'essere ospitali sono indipendenti dai "livelli".

    RispondiElimina

Graziedi essere passato/a...
Buona Vita da Magnoli@.