lunedì 26 ottobre 2015

sfoghi, blog, esempio

Pensavo stanotte in un dormi-veglia a singhiozzo,
pensavo oggi mentre guidavo,
penso tutt'ora.
I pensieri sono le mie vitamine, se solo non fossero negativi.
Ho deciso, diciamo che non ho altra scelta in verità, che devo scendere di peso e per iniziare anche velocemente o per me sarà una disfatta psico-fisica di livello planetario.
Questo trovarmi per una ennesima volta di spalle al muro, mi far star male che non riesco a spiegarlo per quanto profondo è. Tale condizione mi porterà a compiere azioni non corrette verso me stessa, da come sceglierò di scendere peso, a quello che mi dirò e farò per combattere l'incostanza ed evitare quindi annegamenti giornalieri nell' odio gratuito verso ogni mia cellula. Succede così da sempre.
Orbene siccome non potro' sfogarmi qui, poichè ho lettori che hanno problemi di peso e di DCA, e non posso per coscienza e criterio di scelte passate fargli leggere le mie follie, potrei optare per scaricare lo stress per strani argomenti e dare così anche possibili numeri rasentando l' insensatezza più assoluta, mantenendo invece riflessioni generiche su dieta e peso, sebbene abbia per isterismo bisogno di scrivere unicamente di questo. Non apriro' un'altro blog che mi è balenato per la mente proprio stanotte, no, non lo farò, sempre per la vecchia coerenza di scelte passate: ho compreso nel tempo e per studio l'importanza dell'esempio che si da  e la responsabilità ad esso legata. Tutto puo' essere  preso alla lettera in merito a taglie, peso e quant'altro. Il mio esempio è assolutamente negativo in merito al concetto di magrezza e non voglio che altri vengano condizionati, sopratutto perchè chi non è forte assorbe.
Io voglio un mondo di amore, di tolleranza e benessere, ma non ne sono una portatrice sana e per questo chiedo perdono.

20 commenti:

  1. Ti sono tanto vicina!trovarsi con le spalle al miro ti fa mancare l'aria e ti fa maledire te stessa per esserci arrivata a quel punto...

    Non farti problemi su chi leggerà o cosa, non ti censurare da sola! :)

    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh !!!! tesoro io sono molto responsabile su quello che trasmetto irresponsabilità degli altri ha rallentato la mia vita, le mie tappe, me stessa.
      non faccio mai male di proposito non è la mia indole. cheè diverso fare del male a me stessa.
      un abbraccio anche a te fortissimoooooo

      Elimina
  2. Penso che fai un errore nel non sentirti libera di dare libero sfogo ai tuoi pensieri per non urtare la sensibilità di altri.
    Certo, capisco e condivido la voglia di essere gentile e sensibile nei confronti di chi ha avuto, o ha tutt'ora, problemi di DCA ma dimentichi che questo è e rimane il tuo blog; chi si sente offeso può tranquillamente non leggerlo o non commentare (commenti che comunque vengono controllati da te prima della pubblicazione).
    Ad esempio io non ho mai condiviso le tue scelte sentimentali con uomini occupati, se beccassi una che ci prova con mio marito le farei uscire gli occhi dalle orbite a suon di schiaffi. Ma non per questo ti ho offesa o mi son sentita urtata.
    La vita è tua, così come il blog, esattamente come la gestione di essi.
    Se già inizi nel trafugare i tuoi pensieri...stravolgi il senso del blog

    RispondiElimina
  3. la libertà ha un prezzo.... e il prezzo non lo pago sulla fragilità delle persone. per due anni ho frequentato forum e blog semplici blog di persone con disturbi alimentari e credimi che si prende esempio ed è una grande responsabilità, c'è gente che non ha controllo a farsi del male, non ha nessuno che gli frena nel loro precipitare.
    sembra che siano solo blog ma per certe condizioni sono piu' che blog.

    voglio spiegare solo una cosa ...anche se non è il post giusto...in merito agli uomini occupati, di solito quando fanno il primo passo loro hanno già dei problemi,la terza persona è solo un alibi. nel mio caso io ci capito in mezzo perchè ho proprio questa opinione ovvero: se hanno problemi tradiranno cmq. cioè non me li vado a cercare di proposito ecco.

    sei sempre la benvenuta Beky una bella serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, forse mi hai fraintesa. Non ti giudico per la scelta di stare al loro gioco. Se lo facessi, io così come chiunque altro, avresti il diritto di mandarmi a fare un giro. Il mio era un esempio perché, nonostante abbia qualche problema (la mia abitudine a minimizzare...eh...) con il cibo, sono più suscettibile all'altro argomento per il semplice fatto che ci sono capitata. Lui era un casanova e l'altra una stronza. Quindi, il disagio che una persona può riscontrare nel leggere un qualunque tuo post, a base alimentare o sentimentale, è soggettivo. Quello che vuoi fare della tua vita è affare tuo. Spero che hai capito cosa intendo dire.
      Cmq, cara Magnoli@, se non li trovano scritti riga per riga qui da te...li troveranno facilmente sul web. Io ci sono incappata mentre cercavo un modo per tenere a bada la fame nervosa.
      Se uno ha un problema di DCA ti assicuro che non saranno i tuoi post in codice morse a tenerli lontani.

      Ad ogni modo apprezzo la tua volontà di non incitare altri a metodi sbagliati...eppure tu ci vuoi entrare e alla grande. Non è meglio un percorso normale? Una volta che entra nella tua routine...non ne esci più...fidati.

      Grazie sei la benvenuta anche tu :)

      Buona notte

      Elimina
    2. ho capito.....Beky e che spesso mi sono sentita accusata ...su questo argomento e quindi per difetto tendo a spiegare che non me li cerco.

      ho studiato per ben tre anni i disturbi alimentari ho letto migliaia di cose nei blog e fuori......è un dramma troppo grande, ma la mia coscienza lo è di piu'

      Elimina
  4. Ti auguro tutto il bene del mondo.
    So che ne faresti buon uso.

    RispondiElimina
  5. a parte il fatto che per quello che mi è parso non sei grassa, ma se ti senti grassa io avrei un consiglio: perché non provi a correre ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che ci stavo pensando? la corsa ha aiutato molto mio fratello...ma il maschio ha degli ormoni spettacolari per il dimagrimento adesso pero' ho problemi di schiena devo satre attenta...cmq mi sento appesantita troppo, quindi qualche kg devo davvero buttarlo via

      Elimina
  6. Fortunatamente non ho mai avuto problemi di peso, però immagino non sia semplice dover dimagrire. Tieni duro, ce la fai !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per farcela fino alla fine dovrei trovare prima che mi cura l'incostanza
      benvenuta nottebuia

      Elimina
  7. "Io voglio un mondo di amore, di tolleranza e benessere, ma non ne sono una portatrice sana e per questo chiedo perdono."
    Mi soffermo su questa tua ultima frase che racchiude un po' tutto: i tuoi desideri, il tuo malessere, la tua paura ed il tuo sentirti in qualche modo responsabile. Non devi chiedere perdono a nessuno, se non a te stessa, tutte le volte che ti colpisci, ti punisci, ti vuoi male. Certi processi sono giri viziosi che si ritorcono contro noi stessi e ci privano della volontà di reagire, di vedere le cose sotto altri punti di vista oltre quello del carnefice (di noi stessi). Uno dei modi che abbiamo di punirci o trovare ripiego/consolazione (dipende dai casi ma sbagliando ovviamente in entrambi) è quello di rivolgerci al cibo ed impiegarlo in modo errato: troppo o poco, inadatto. Questo capita alle ragazze ed alle donne, per la maggior parte dei casi. Le stesse che, guarda un po', sanno essere molto più forti rispetto agli uomini: non lo dico io, lo dice la vita.
    Allora, Magnoli@, cerca di ricordare (e so che è odioso sentirselo dire) che possiedi anche una grande forza dentro di te, una forza che attende soltanto di essere chiamata all'appello. E' lì, pronta, da tanto tempo. Vuole le stesse cose che vuoi tu: amore, tolleranza, benessere. Lavorare insieme a lei sarebbe molto producente. Sarebbe. Fai in modo che il condizionale diventi indicativo. Ce la puoi fare.
    Un sorriso.

    RispondiElimina
  8. Certi processi sono giri viziosi che si ritorcono contro noi stessi e ci privano della volontà di reagire, di vedere le cose sotto altri punti di vista

    questo è il cuore dei miei fallimenti. non so se mi spiego io...quanta forza ci vuoleeee giusto cielo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che è il cuore dei fallimenti, non solo i tuoi. Tendiamo a tenere gli atteggiamenti sbagliati, i processi sbagliati, anche se sappiamo bene che lo sono, perché sono una sicurezza, dopotutto, sono conosciuti, noti. Come dire: "Non esco perché magari mi cade una tegola in testa (ma quante probabilità ci sono che ciò avvenga? pochine, direi) e preferisco stare in casa ( ecco il farsi male, il privarsi della possibilità di "altro)". Scusa l'esempio stupido ma credo che un pochino renda.

      Elimina
    2. P.s. Sì, di forza ce ne vuole tanta, tanta davvero. Del resto il biglietto va sempre pagato per ammirare uno spettacolo (e non contare chi entra per vie secondarie: non impareranno mai nulla di cosa significhi guadagnarsi le cose) :-)

      Elimina
    3. si Lisa hai reso l'idea,
      tutto cio' che hai detto è la verità per eccellenza di questo genere di problema fisico-pshico.
      il tuo discorso non fa una piega e io ben lo conosco.
      grazie, a te auguro il meglio.sempre.

      Elimina
    4. :P ho scritto al contrario psico-fisico

      Elimina
  9. tu vuoi diventare, non ti accontenti di restare in questo posto senza nulla più e nulla meno, e ciò ti porterà gioia, ma anche parecchia responsabilità.
    quello che vuoi intraprendere è un viaggio non facile, non bello, alle volte non sostenuto...
    ma va bene così... va bene perché ti porterà a diventare chi vuoi essere, e credimi, non c'è nulla di meglio

    RispondiElimina
  10. io vorrei cercare di essere corretta fin quando mi viene concesso.....
    con me stessa pero' è tutto diverso

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.