giovedì 31 dicembre 2015

tra ricordi e sfoghi di fine anno

Non ho mai amato i bilanci, non gli ho mai fatti escluso a scuola nei compiti di ragioneria.
In sei anni di blog non ho mai fatto un postbilacio e non voglio nemmeno incominciare ora, poichè per me i bilanci sono solo di coscienza.
Questo periodo, questo che si accavalla tra vecchio e nuovo anno, lo ricordo per ben altre cose. Io.
In questo tempo, specialmente negli ultimi anni, sono stata sedotta e tirata nella ragnatela della passione da uomini per i quali ho perso e rischiato di perdere la testa.
Sono ricordi particolari, solo miei, di cui sono quasi gelosa, custoditi profondamente nel mio cuore.
Ma quest'anno ho imparato che tanta bellezza puo' essere sostituita da tanta nausea, vergogna, e quant'altro possa essere giusta per descrivere certe circostanze  inopportune  e sconvenienti in una grande famiglia, dove alcuni soggetti perdono il senno e ti travolgono rovinandoti la serenità che speravi per una festa.
Che gente scoscienziata riscopro in questa covo familiare ormai senza dignita'.
Sticazzi !!!!!!!!!  che fine anno di merda.

Alla luce di cio' pero' ho raccolto le forze e la speranza per chiedere solo due cose a questo 2016...
la prima e' di portare a voi e alle persone mie care  tanta serenità e tanto amore;
la seconda è che io venga allontanata da tanto schifo che mi circonda.
Amen!!!


8 commenti:

  1. Ti auguro di trovare la tranquillità che cerchi e di allontanare le cose che ti fanno stare male...
    Un'abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. io spero nella seconda per te !

    RispondiElimina
  3. Intanto Ti faccio tanti auguri perché tu possa chiudere il 2015 cercando la via giusta pe dimenticare le c ose gradevoli. Ti auguro, invece, che il nuovo anno sia più tuo che non di chiti sta intorno...voglio dire che te lo devi vivere in piena spontaneità e con un pizzico in più di ironia e semplicità.

    Buone cose per il 2016 e il passato lascialo portar via dal vento.

    RispondiElimina
  4. > ragnatela di passione
    L'eros è stato demonizzato da un paio di millenni qui da noi (uno delle conseguenze dell' inquinamento monoteistico). Questo certo non aiuta a vivere al meglio una dimensione fondamentale dell'esistenza.
    Bisogna costruirsi una ecologia, un'etica dell'eros ma è un lavoro importante quindi impegnativo e non breve.
    Mi permetto di suggeriti di iniziare a curiosare qualche lavoro sul (neo)tantra che ti permetta di riconoscere la dimensione sana e spirituale dell'eros.

    Con difficoltà sono riuscito a leggere col mio piccolo e "vecchio" furbofono . :)

    RispondiElimina
  5. Appena ho tempo inizio a curiosare.

    RispondiElimina
  6. Appena ho tempo inizio a curiosare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io iniziai proprio in seguito alla separazione dalla madre di mio figlio. Essere nella cacca, come noto dalla psicologia evolutiva, è uno straordinario propellente per il miglioramento personale.

      Elimina
    2. Qualche spunto. Qualche testo?

      Elimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.