domenica 6 dicembre 2015

di prima domenica

Di primo mattino, cioè di prima domenica mi scotto un dito sul fornello per riscaldare un wusterl al gatto. Esco per portarglielo e prendo una freddata. Lo rimprovero perché è ferito e lui scappa via con il salcicciotto, fregandosene delle mie preoccupazioni: ecco inizia a litigare per una trombata con le gatte del vicinato.
Per fortuna che c'è qualcuno che gode di certi piaceri senza troppe pippe mentali.
A volte mi chiedo perché non prendo esempio.

Oggi ho l'amica di mia madre a pranzo, mio fratello e mia cognata. Niente fosse se la prima ospite citata non stia lì a ripetermi sempre le stesse cose, sul lavoro, sulla dieta e sui miei ormai famosi cuscinetti di ciccia. E si, stasera dorme anche da me e io devo sgattaiolare per evitare che mi veda mezza nuda e inizi il solito discorso sulla visita da fare dal chirurgo della figlia, evitando accuratamente di capire che sono a rosso.
Ecco questi sono i momenti in cui lascerei anche il mio gatto per fuggire sotto un ponte a km di distanza.
E pensandoci non è detto che non lo faccia, il vagabondare senza mete e luoghi un po' è insito nel mio sangue, altrimenti sarei già sistemata.
Amen e buona domenica!!!

3 commenti:

  1. mandala a fare in culo l'amica di mamma, sta stronza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Fra l'amica di mamma ha due figlie con problemi di obesità e sa cosa significa vivere un passo indietro a chi questo problema non ce l'ha. È vero pure che io non sono obesa, ma cos' come è vero pure che ciò che non è proporzionato si vede all 'occhio e lei dunque nota. Ecco.

      Elimina
  2. Che noia 'sta qua...
    ti aspettiamo.

    RispondiElimina

Graziedi essere passato/a...
Buona Vita da Magnoli@.