giovedì 17 dicembre 2015

grazie


*Ormai basta davvero poco a deludermi, ormai basta davvero poco a farmi pentire  della disponibilità che offro, della compassione che provo, delle attenzioni che dono.
E' bastata una telefonata fatta nel primo pomeriggio a chiudere l'ultimo atto di un teatro che continua a non darmi nulla, ovvero una parte della mia grande famiglia.
Questa volta la matita rossa ha spezzato addirittura la punta per sottolineare l'ennesimo errore, le persone che fanno bla bla solo per cio' che è conveniente per loro o anche che solo le possano riguardare e non mi danno fiducia non sono un investimento psicologico per me vanno quindi mantenute distaccate dalla mia sensibilità.
E' la cosa migliore, così come è la cosa  migliore avere lo sguardo, il pensiero e la premura su chi davvero di me si è fidato e ci ha tenuto alias mi ha voluto bene senza egoismi e senza calcoli.
Sono una ragazza donna difficile, Dio solo sa quanto se ne siamo sopratutto accorti gli uomini che ho sfiorato in questa pochezza di vita che ho vissuto. Questi sono in un certo senso veramente le persone di cui posso fidarmi, e lo dimentico sempre. Loro hanno conosciuto quella segreta parte di me fatta di bene, correttezza, fiducia che non ha mai vacillato. Differentemente per molti della mia famiglia che di me non sanno un cazzo e nemmeno immaginano e si comportano di conseguenza.. Forse Dio mi offre persone in cambio della mia speranza: c'è sempre un raggio di sole che non muore dove si è seminato amore.
Io ho imparato a dire grazie in particolar modo per le persone che mi sono state date in dononel nio cammino  e che hanno fatto ai miei occhi la differenza, per crescere, amare, insegnarmi.
Grazie.



*Oggi ho cambiato colore ai capelli: più scura, diversa come ogni volta che faccio cambiamenti di questo genere, è una questione di espressione.

*Stare con la mia amica mi fa bene, ma nello stesso tempo mi fa anche male. I suoi disturbi alimentari mi fanno rattristare, ma in ballo vi è quel bene che si impone sempre e su tutto. Vorrei certe volte non aver idea di cosa significa l'affetto.

*Vorrei provare a dormire serenamente come non mi capita da tanto.


7 commenti:

  1. sono curioso. intendo, dei tuoi capelli

    RispondiElimina
  2. Ho preso una botta simile ieri. Delusione dopo aver donato tutto. Sono stato rimandato, temporaneamente accantonato ("il tempo saprà dirci").
    Ieri mi ha detto che sei stronza, intanto.

    RispondiElimina
  3. Io stronza?
    Si è possibile sopratutto quando dico certe verità.
    La consapevolezza non è un'opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlavo in terza persona rintorcinata. Lei è stronza. Non tu. ;)

      Elimina
  4. da un annetto a questa parte sto cercando di stare solo con le persone che veramente voglio frequentare.
    è meno semplice di quanto possa apparire, ma riempie di soddisfazioni

    RispondiElimina
  5. Negli anni (sembro mio nonno quando parto così) ho scoperto che i famigliari sono probabilmente le persone che mi conoscono meno. Credo sia 'normale' ed allos tesso tempo non gliene faccio una colpa, di fondo se una persona non ci conosce dipende molto da noi. ....Poi che ci siano parenti stronzi a priori... lo si sa :)

    RispondiElimina
  6. La strada è lunga, ma stai proseguendo molto bene.

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.