sabato 23 gennaio 2016

Page 23: conversando

in Francia

Nel viaggio di ritorno dal nord mi ritrovo a conversare con donna del sud.
47enne, laureata con ottimi voti , all'attivo dottorato, scuola di specializzazione, esperienza biennale francese.
Ebbene, in Italia sempre precaria e sottopagata nonché limitata nei lavori trovati. In Francia le viene riconosciuto un ruolo degno della sua preparazione nonché ottimo guadagno -4500,00euro- mensile. Rientra nella sua merda di patria cioè anche quella mia, trova solo lavori dove è sprecata, ci mette tre anni per aver un posto di ruolo da insegnante ovvero solo per il prossimo settembre, mentre è a tempo determinato dove meriterebbe di stare per le sue conoscenze e specializzazioni.
Ecco mi chiedo che cazzo di speranza ho in paese del genere. come si fa ad avere nostalgia uando si mette un piede fuori da esso.
Boh!
Boh!
Stra boh!!!

quello che voglio

È così complesso descrivere ciò che voglio, che a volte penso che ciò che voglio non esiste. Che sarò in balia di tutt'altre onde, in mari sconosciuti all'anima e al cuore.
Bisognerebbe o accontentarsi del menu del giorno della vita o se si ha il coraggio rischiare per assaggiare qualcosa di più prelibato servito in menu particolari.
Ecco una cosa ho capito che non voglio il solito, ma l'eccezione, il brivido, voglio ciò che mi fa sentire viva e non ciò che mi fa accomodare.
Stare comodi annoia, stare scomodi spinge al nuovo,  allargagli orizzonti , sviluppa creatività e conoscenza.
Per il resto non so cosa voglio, mi fido dei segnali e del cammino silenzio che si presenta a me.
Mi fido dell'amore, degli odori e delle sensazioni, il resto effettivamente poco conta.

ma perché?

Ecco ma perché mi trovo sempre a dire di si? Mia cugina mi chiede di intrattenere conversazione con amante della sua amica per coglierlo sul tradimento. Così facendo vorrebbe scuotere amica che sta sbagliando a la lasciare il papà delle sue bambine per uno che ci prova addirittura con una sconosciuta.
So che posso farlo cadere, due foto da zoccola e lo incarto.  Ma è poi giusto?
Ma perché mi trovo in queste cazzo di situazioni. Uff........
Che coglioni certi uomini, che coglioni si!!!

5 commenti:

  1. Nostalgia mai :D tornare solo per le vacanze.
    Voler bene sempre.

    Ciao Magnolia!

    RispondiElimina
  2. Lascia perdere l'amante dell'amica di tua cugina,mi sembra una faccenda che si devono sbrogliare loro, cioe'tua cugina non dovrebbe proprio coinvolgerti, e'un discorso di tutela!

    RispondiElimina
  3. ..vale sia per lò'estero che per gli uomini..se non assaggi la cioccolata puoi anche accontentarti della merda..

    RispondiElimina
  4. La prima parte del post mi ha fatto venire in mente un messaggio di un mio ex collega. Dopo due mesi ha chiuso la nuova esperienza lavorativa che tanto gli sembrava foriera di successi ed è disoccupato. Rischiare non sempre è la via migliore

    RispondiElimina
  5. Rischiare sì, ma il paracadute meglio portarselo sempre dietro, se si può. Ma ovviamente ti auguro bei voli, Magnolia :-)

    Non credo sia saggio mettere lo zampino in certe situazioni, mi è capitato spesso di vederle succedere e non finiscono mai bene per nessuno :-(

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.