lunedì 26 settembre 2016

page 117: i piselli hanno una storia

Ne parlavo stanotte con " il mio preferito" *, di come gli uomini in poco tempo mi raccontano la propria intimità.
Mi confidano tranquillamente e senza peli sulla lingua dei loro piselli, delle loro gesta, delle loro difficoltà, dei loro traumi.
Ho capito così che il membro di ognuno ha una storia simpatica o antipatica, passionale o triste.
"Il mio preferito" sorrideva all'idea che un pene potesse avere una storia.
Ma è così ogni  pisello ha da raccontare non solo se stesso ma anche colui che lo possiede, e io ormai aggiungersi colei che ascolta e che consiglia.


Mi sto chiedendo perché queste cose capitano sempre a me, sopratutto con gli uomini?

*il mio preferito è un uomo particolare, con cui intrattengono conversazioni di vario genere, in varie ore, con vari risultati.

21 commenti:

  1. il punto non è la storia che hanno alle spalle, ma per quanto tempo potranno ancora raccontarla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio non pensarci. E detto marzullianamente così aiuta a vivere.

      Elimina
    2. mamma mia come sei diventata saggia. ma siamo sicuri che sto parlando con la stessa magnolia di sempre ?

      Elimina
    3. Ahah!!!!!
      Certo che sono la stessa.

      Elimina
    4. Aehhh!!!!!addiritturaaaa!!

      Elimina
    5. quasi. purtroppo non ti fai mai guidare come dico io

      Elimina
  2. Non è molto strano che ogni membro abbia una storia...in fondo è la storia del portatore ;)
    Cosa non come invece è che 'tutti' ti vengano a confidare le loro cose, questo non è molto comune. Ci sono pochi motivi per cui un uomo si confidi così profondamente.
    1. E' un cazzaro e gli piace sentire io,io,io,io... ma quelle raramente so confidenze e comunque si riconoscono facilmente.
    2. Trovano in te una persona che ascolta (non è detto che tu li stia ascoltando veramente, ma questa è l'impressione che dai), che non è un tipo di persona comune.
    3. Tu non parli di te, provano a mettersi a nudo... nella speranza che tu faccia la stessa cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La seconda Boh, di solito ascolto e se non mi interessa lo dico.
      In quanto alla prima il cazzaro non confida cose particolarmente delicate.
      La terza, beh io confido delle cose di me ma solo in base al mio legame.
      A volte mi capita anche se non mi confido, in effetti potrei solo pensare alla seconda.

      Elimina
  3. Cara Magnolia, ecco il problema, non bisogna mai chiedere il perché!!!
    così impari meglio:), prendila così con un sorriso:) cara amica.
    Ciao e buona settimana con un abbraccio e un sorriso,sorridendo fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Il pisello è solo un esecutore degli ordini del cervello e se sono sballati sorgono problemi. La vagina sta lì tranquilla. Basta allargare le cosce e il pene entra subito. La vagina, a te lo voglio dire, ha solo un problema causato dall'inconscio che ha paura dell'amplesso e si stringe così tenacemente che potrebbe entrare solo un pene di ebano. La malattia psicosomatica si chiama vaginismo.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti essere un dottore specialista nelk'argomento sai? Per la fluidità con cui hai risposto. Cmq ero a conoscenza do tutta questa verità e sono d'accordo.

      Elimina
  5. Infatti io tendo sempre a fare lunghi discorsi, con i cazzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pippa queste sono le conseguenze di stare nel mio perimetro :)))

      Elimina
  6. Io conosco della gente che con il proprio pene si sente in grado di risolvere i problemi del mondo, ma ancora nulla riguardo a quelli mentali che li disturbano!

    RispondiElimina
  7. Metti che ti presenti a una ragazza e dici, "Suono bene il clarinetto".
    Metti che lei capisce tutta un'altra cosa e ti fa subito l'occhietto.
    Metti che sei un artista puro e questa cosa non fa certo un bell'effetto.
    "Il clarinetto, quello che fa filù filù filù filà".
    Metti che lei non è un'artista e con la musica non prova alcun diletto:
    il clarinetto si butta un po' giù.
    Non c'è emozione n‚ soddisfazione a suonar da soli il clarinetto.
    E' uno strumento un po' particolare che ha bisogno di accompagnamento
    Ma dove sta una chitarrina per suonare insieme con il clarinetto jazz
    per fare qualche pezz, per fare un po' filù filù filù filà.
    La cerco come la Titina questa bella chitarrina per far qualche swing,
    mentre il clarinetto sping... così nasce un bel blues.
    A-hum! A-hum! A-hum!... A-hum! A-hum! A-hum!
    Senza la chitarrina non puoi far manco una canzoncina un po' sveltina in do
    e allora come fo per fare un po' filù filù filù filà.
    La cerco come la Titina questa bella chitarrina per far qualche swing,
    mentre il clarinetto sping... così nasce un bel blues.
    La cerco come la Titina questa bella chitarrina per far qualche swing,
    mentre il clarinetto sping... così nasce un bel blues




    Il Clarinetto di Renzo Arbore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intento è farmi fare pensiero malizioso?
      No, giusto, chiedevo perché ci sei riuscito.
      :P
      Certo in maniera un po contorta mh..

      Elimina
    2. L'intento è farmi fare pensiero malizioso?
      No, giusto, chiedevo perché ci sei riuscito.
      :P
      Certo in maniera un po contorta mh..

      Elimina
  8. No. Non capita spesso che qualcuno ascolti le storie di un clarinetto. Lo hai fatto con grande ironia. Ho apprezzato e stando al gioco ho postato la canzone di Arbore.
    Per questa sua affermazione: "Infatti io tendo sempre a fare lunghi discorsi, con i cazzi :)", la canzone è dedicata anche a Pippa.
    Ciao.

    RispondiElimina

Graziedi essere passato/a...
Buona Vita da Magnoli@.