sabato 24 settembre 2016

page 116: danni e pensieri

Nel giro di una settimana ho distrutta la mia mano destra:
mi sono procurata una scottatura mentre tiravo fuori tegame dal forno,
ho preso la mano nella finestra perchè l'ho spinta troppo forte e non ho fatto in tempo a fermarla,
ho tirato una "ditata" mentre lavavo il pavimento sullo spigolo del tavolo. Non mi dite come ho fatto ad essere così precisa poichè nemmeno io ho capito la dinamica, mi fa solo male il mignolo.
E' probabile che io sia mooolto distratta da una serie di cose dalla quale vorrei liberarmi subito, ma purtroppo ci vuole tempo.



Stanotte una festa privata si è protratta fino alle 02:00 con musica e karaoke ad alto volume, su terrazzo di fronte al mio balcone.
Spettacolari coglioni che se ne fottono delle regole di corretta convivenza. Potevano andare a festeggiare il cazzo di compleanno altrove, magari in un locale, ma anche si.
Ho dormito poco e male, spero gli venga a tutti na cacarella oggi.
Deficientiiii!!

Io non sono per niente una ragazza facile.
Questo è il motivo forse della mia "singletudine",
del mio sfuggire,
del mio non essere realizzata,
della mia follia.
Vorrei essere normale ma giuro non ci riesco proprio.
Provo a non pensare.

15 commenti:

  1. Come non sei normale? Che cavolo dici magnolia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non lo sono, se si considerano tante cose della mia vita.

      Elimina
    2. E' oggettivo il concetto di normalità?

      Elimina
  2. Mi dispiace, cara Magnolia, speriamo che tu possa guarire e anche bene e che tu non debba soffrire dal dolore, sa che le scottature sono molto dolorose.
    Ciao e buon abbraccio forte forte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbatto ovunque questa mano Tommaso, specialmente sulla scottatura non so davvero se guarirà presto :-(

      Elimina
  3. Tu sei tu. E non credo sia così "brutto" come descrivi. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe opinioni diventano soggettive.
      Un abbraccio cara.

      Elimina
  4. Ognuno di noi ha un modo personale per realizzarsi. Deve piacere a te e non agli altri. Nella nostra società l'unica cosa normale è l'anormalità.

    RispondiElimina
  5. "me in pratica" è un concentrato di narcisismo. Nel senso buono perché nel tuo caso è un'autodifesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto :-)
      Boh non riesco a percepire il narcisismo in questa foto, in genere in me.

      Elimina
  6. Sembro smemorata, faccio la stupida, metto lo smalto di strambi colori. In verità, leggo Jung, il Sole 24 Ore appena posso e scrivo verseggiando. Ma sopratutto osservo,archivio e ricordo senza che nessuno se ne accorga.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Questa mia descrizione è frutto di alcune esperienze in cui venne giudicato il colore di alcuni smalti che tra l'altro io amo come carenza di personalità .

      Sempre che volevi una spiegazione di una tale descrizione ^_^

      Elimina
  7. Sullo sfondo nero devi usare il colore bianco. Perché far soffrire i tuoi follower?
    Volevo dire che non c'è bisogno di scrivere che leggi certi giornali e sei informata sulla psicanalisi. Si capisce subito che sei una donna intelligente.
    Buona domenica.

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.