sabato 10 dicembre 2016

Page 141: comunisti o cosa?

Mi chiedo....
ma su quali ideali si poggiano le idee dei comunisti oggi?
Ma anche quelli che si fanno definire di sinistra che poi sempre na mezza sorta di comunisti sono?
No, ecco, lo vorrei proprio capire visto questo estenuante appoggiare quei quattro ricconi potenti europei che decidono a loro comodo la sopravvivenza di intere nazioni senza privarsi loro di un tubo.
Giurò che vorrei essere illuminata..ciò che mi si accendesse una luce sul tale sapere.

8 commenti:

  1. Oh, se ti si accenda sta luce fai un fischio e illumina pure me...Che poi ora è un macello, sinistra, centro sinistra, destra, centro destra, gente che dice di essere una cosa e poi è un altra...Bha...e poi il movimento 5 stelle come lo possiamo definire nella sua realtà dei fatti? Di destra o di sinistra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora Federica, io voglio prima capi da che sono mossi quelli che me vogliono butta in pasto alla UE. Poi mi impegno in altro. Na cosa per volta. In prima linea continuano ad esserci quelli di sinistra....o che per tali si spacciano quindi voglio sapé de loro.

      Elimina
  2. Mah ...
    i piddini NON sono più socialisti ( da cui, una particolare declinazione ''italiana'' di Comunismo ) da un pezzo;
    10+ anni fa, il capoccia filo-USA Walter Veltroni dichiarò esplicitamente che quello NON E' un partito ''di Sinistra'' ma bensì ''di Centro'';
    SE volete conoscere un vero socialista ''italiano'' – una rarità, al giorno d'oggi ! – vi presento il mio amico Riccardo Paccosi : [ link ].

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio di peggio "di centro", insomma fanno parte di dove è più buona la pagnotta. E gente intelligente dunque

      Elimina
    2. Secondo me, la grande massa di costoro possiede una intelligenza brevilinea, diciamo simile a quella del sorcio;
      poi ci sono i dirigenti, che sono furbi figli-di-mignotta ma pure dotati di una ''intelligenza'' molto specializzata, incapaci di vedere i limiti del sistema capitalista ( esso E' GIA' fallito per morte naturale, stiamo ancóra volando ma come un aereo che ha finito il carburante, per inerzia ) che hanno abbracciato sfacciatamente dopo la Bolognina ( vedi il discorso dell'allora segretario Achille Occhetto ).

      In generale, non si può asserire che un qualsiasi soggetto singolo o gruppo sia totalmente privo di ''intelligenza'', ma, piuttosto, è meglio descriverne le qualità;
      i comunisti ''italiani'' hanno sviluppato in simbiosi una intelligenza collettiva particolare, provvista di caratteristiche simili a quelle dei popoli comunisti nel mondo.

      ===

      Elimina
  3. Viviamo in una sorta di comunismo, solo che a beneficiare di sussidi non sono le masse, ma le corporazioni. Questo non è certo libero mercato ...

    Vorrei che qualcuno ammettesse che senza ridistribuzione, meno ai ricchi più ai poveri, non si ridurranno le sofferenze dei nostri tempi.

    Ciao Magnolia :-)

    Gio

    RispondiElimina
  4. I comunisti, postcomunisti, i paracomunisti, gli ultracomunisti sono seguaci di una religione che li porta ad una grave dissociazione dalla realtà e pulsioni masochistiche, distruttive e sadiche, punitive e moralisticheggianti.
    Da questo punto di vista Karl Marx è riuscito molto bene a sostituire le religioni tradizionali con la propria, decisamente peggiore, scadente, anche solo perché non affronta il tema della morte.
    In altre parole anche l'oppio marxista, come prodotto della modernità, come prodotto di plastica, è peggio di quelli tradizionali.

    Sono dei patetici cretini che, oltretutto, si credono più intelligenti, colti etc. .
    Mah.

    RispondiElimina

Grazie e se ti va puoi tornare ancora.
Buona Vita da Magnoli@.